Trainspotting 2: incontri a sorpresa tra le vie di Edimburgo

Le riprese di uno dei sequel più attesi di sempre sono da qualche giorno iniziate e sui social network è facile trovare selfie e foto rubate al cast di Trainspotting 2 su e giù per le vie della New Town ad Edimburgo. Il regista Danny Boyle è stato avvistato pochi giorni fa per le vie della capitale scozzese assieme ad Ewen Bremner, alias quella cara vecchia canaglia di Spud nei pressi della Chiesa di Saint Stephen, alla fine di St. Vincent Street.

Il film sarà basato su “Porno”, sequel di Trainspotting, sempre dello stesso autore Irvine Welsh. Anche se, a quanto affermato in un’intervista “Il film sarà leggermente diverso dal libro. Gli attori infatti hanno 20 anni in più rispetto al primo film. Abbiamo dovuto riadattare qualche cosa”. Sono attesi quindi anche il resto della crew di attori impegnati nel primo Trainspotting, Ewan McGregor (Renton), Jonny Lee Miller (Sick Boy), Robert Carlyle (Begbie) e Kelly Macdonald (Diane).

Se anche voi abitate in Scozia (o nel resto del Regno Unito) avrete sicuramente sentito parlare di questo classico della cinematografia britannica. Beh, forse non è proprio come Peter Pan, o Pomi d’ottone e manici di scopa per intenderci, ma di sicuro è un film che ha segnato una generazione intera, sul Cosa e cosa non fare della propria vita. O perlomeno ci ha provato.

“Choose life” è infatti il motto con cui inizia questa pellicola punk, pronunciato da Mark Renton (Ewan McGregor) mentre scappa durante una rapina compiuta in un qualsiasi negozietto di Princess Street (se succedesse oggi potreste magari vederlo sfrecciare fuori dallo Starbucks nel quale vi siete concessi una pausa caffè).

Instagram, Twitter e un pò tutti i social network si trovano centinaia di foto di uno Spud invecchiato che si aggira tra i tipici edifici grigi di Edimburgo. La studentessa Amy Heywook ha recentemente dichiarato a un giornale locale “Me lo sono trovato praticamente davanti casa”, dopo aver immortalato Bermner sulla North Junction Street martedì mattina.

Occhi aperti dunque, e telefonini alla mano, fans.