5 strane tradizioni inglesi

Non c’è regione dell’Inghilterra che faccia eccezione: dal Nord alle coste del Sud quasi ogni contea o piccolo villaggio mantiene ben forte le tradizioni che da anni, in alcuni casi anche secoli, vengono rispettate e riproposte con puntualità. Pensate che si tratti solamente di tradizioni religiose, eventi che si festeggiano durante le maggiori festività dell’anno? Assolutamente no! Gli inglesi hanno la buona capacità di trovare sempre nuove occasioni da commemorare, e farlo nel modo più strano possibile è certamente qualcosa che gli riesce senza difficoltà.

Ecco allora di seguito cinque tra le più bizzarre tradizioni popolari inglesi.

Straw Bear

Una delle più antiche tradizioni inglesi è quella dello Straw Bear Day, festeggiato ogni anno il 7 di Gennaio nelle zone del Cambridgeshire e dell’Huntingdonshire. Si tratta di una sorta di rito propiziatorio che avviene con l’inizio dell’anno agricolo inglese nel quale uno o più uomini indossano costumi che li ricoprono completamente di paglia. Danzando con indosso questi strani e scomodi indumenti si spostato di casa in casa ricevendo come premio per la loro danza denaro oppure cibo e bevande.

 

Worm Charming

Vi piacerebbe praticare uno sport un po’ insolito? Allora potreste seguire l’esempio di alcuni inglesi che come attività hanno scelto quella di “attrarre i vermi dal terreno”. Molto strano vero? Eppure dal 1980 in un villaggio del Cheshire, esiste una competizione annuale dove decine di persone si battono per riuscire ad attrarre più vermi possibili, farli uscire dal terreno e – solo in alcuni casi – utilizzarli poi per la pesca.
Nel suo essere bizzarra, questa competizione ruota attorno ad alcune regole molto ferree alle quali tutti i partecipanti sono tenuti ad attenersi: tra le tante limitazioni, durante la competizione non é possibile attirare i vermi con musiche particolari, acqua o simili. Insomma, regole bizzarre per una tradizione altrettanto insolita!

 

Wife Carrying

Siamo in Surrey dove questa tradizione annuale, ora riproposta in termini più gioviali, prende spunto ad un avvenimento non altrettanto felice risalente al 793 a.C. quando, con l’invasione dei Vichinghi, un monastero venne distrutto e le donne portate via contro la loro volontà. Dal 2008 l’evento viene rievocato in maniera più leggera tramite una competizione che vede come protagonisti uomini incaricati di correre per un percorso di circa 400 metri reggendo sulla schiena la loro donna che, secondo regolamento, non può pesare meno di 50 kg.

La prima coppia a raggiungere il traguardo riceverà un premio in denaro, un barile di birra e la possibilità di partecipare al campionato mondiale di Wife Carrying che si tiene in Finlandia.

 

Cheese rolling

Una delle tradizioni più seguite d’Inghilterra è proprio quella del Cheese rolling che si svolge in Gloucestershire. Lo scopo è quello di seguire una forma tonda di formaggio mentre rotola giù per una collina, Cooper’s Hill, e raggiungere per primi il traguardo.
Il vincitore dovrà poi, a dorso nudo, ritornare alla cima della collina correndo e tenendo in mano il proprio formaggio-trofeo.
Strani questi eventi vero? Eppure, non pensiate sia tutto facile. Le irregolarità del terreno, hanno spesso creato disagi nei partecipanti che correndo dietro al loro formaggio sono riusciti anche a procurarsi qualche piccolo infortunio.

 

Pancake flipping

Il martedì grasso è anche noto come Pancake Day, un’altra occasione per gli inglesi di inventarsi qualche strano evento.
Svolto nell’intera nazione, questa competizione prevede di dover correre lungo un certo percorso tenendo in mano una pentola con la quale far saltare e girare magistralmente i pancakes senza ovviamente farli cadere a terra. Fortunatamente alla fine della gara la ricompensa è quella di un vero pancake che non ha corso nessuna gara ma pronto per essere farcito!

 

Marta Gianotti

Blogger at The LondonHer
Mi occupo di educazione e bilinguismo ma coltivo la sempre più grande passione per il blogging e i nuovi media. Alcuni anni a Londra mi hanno spinta ad aprire il mio blog The LondonHer dove tratto di viaggi ed ovviamente della capitale inglese, condividendo ogni nuova esperienza in giro per il mondo.