Valentina Rebeschini

Valentina Rebeschini, fotografa di neonati e bambini per Photograface.

Sono arrivata a Londra nel 2007, dopo una bellissima esperienza in Australia di un anno e mezzo. L’Australia era stato un po’ il mio sogno e appena ho finito l’università sono partita per Darwin con solo uno zainone sulle spalle e tanta voglia di avventura. Ho viaggiato dappertutto: lungo la costa, nel deserto, nelle città e nelle isole e conosciuto un sacco di gente. Venendo da un paesino di montagna dall’altopiano di Asiago, una volta tornata a casa, dopo un’esperienza simile, non avrei mai potuto rimanere lì. Londra così è stata la scelta più appropriata; una città con opportunità, che mi ha dato la possibilità di continuare a parlare inglese senza essere troppo lontana dall’Italia. Ero già stata a Londra, nel 1996 come turista, quindi avrei avuto bisogno di qualche consiglio una volta arrivata qui e fortunatamente un amico mi ha ospitata per qualche settimana. Un paio di giorni dopo ho iniziato a cercare alloggio e lavoro; passavo diverso tempo negli internet cafe su gumtree, ma gli annunci sui giornali funzionavano ancora benone. Nel giro di 2-3 settimane ho trovato una stanza a Kennington e un lavoro in sales e marketing a London Bridge. Poco dopo ho trovato anche il ragazzo.. italiano. 🙂 

Non credo Londra abbia cambiato la mia personalità, sono sempre stata un po’ “matta”, almeno così ero definita, e sono sempre stata tale in tutti i posti dove sono andata. Quello che mi ha cambiato è stato avere una famiglia e la nascita della mia bimba.  

Trovare un alloggio decente credo sia una delle cose più difficili a Londra. Ci sono un sacco di stanze disponibili, ma come sapete la maggior parte sono trascurate, sporche e molto piccole. Si perde tanto tempo nel cercarle e andare a vederle; senza contare le tante volte in cui si va per niente perché già consegnata a nuovi inquilini senza avvisarti minimamente! 

Oltre ad avere la bimba più bella del mondo 😉 una mia grande soddisfazione è sicuramente quella di essere riuscita a mettere in piedi il mio business. È stata dura cominciare con una bimba piccola, farsi conoscere dalla gente, far capire che possono fidarsi, ma ora credo non potrei essere più fiera di me. Il mio è un lavoro bellissimo perché fotografo l’amore: la dolce attesa, i primi giorni di un neonato e l’amore della famiglia. Vedo persone felici in uno dei momenti più belli della loro vita.  

Da quando sono arrivata ho sempre abitato a south London e mi è sempre piaciuta molto. South Bank è sicuramente il mio posto preferito anche perché c’è sempre qualcosa di nuovo da vedere, qualche evento da curiosare e ha una vista fantastica; poi sul London Eye è dove mio marito mi ha chiesto di sposarlo! 

Mi è sempre piaciuto girare e non ho mai avuto problemi a lasciare casa o l’Italia, perciò non posso dire di avere tanta nostalgia. Dopo quasi nove anni ti abitui alle giornate grigie, alle persone che vanno di fretta e a quelle che hanno paura di alzare lo sguardo e dire una parola, alla sanità che potrebbe essere migliore ma anche ai treni in orario, all’ordine nel fare le cose (le difficoltà si hanno quando si deve andare al consolato italiano), alla meritocrazia nel lavoro.. insomma ci sono pro e contro dappertutto ma in questo momento mi trovo bene dove sono e non ho rimpianti.

Per il momento non ci sono progetti futuri. Io e la mia famiglia qui stiamo bene: abbiamo comprato casa, la bimba che va a scuola e io ho un lavoro che amo quindi per il momento si resta. Non credo passerò la vecchiaia a Londra però, dopotutto anche gli inglesi scappano in Italia o Spagna quando vanno in pensione ma chissà cosa mi riserverà il futuro.

IK

Italian Kingdom è una startup comunitaria che con un magazine e una radio racconta le storie degli italiani all’estero. #ItalianKingdom