Mattia Ribaudo

Mattia Ribaudo, parrucchiere.

“Lavoro nel settore da dieci anni. Come la maggior parte dei professionisti in questo campo ho iniziato da giovanissimo, avevo si e no sedici anni. La scelta di venire a Londra è stata quasi ovvia, perché è risaputo che i migliori hairstylist sono nati e cresciuti professionalmente qui; volevo dare una svolta alla mia vita e imparare seriamente questo mestiere, così ho deciso di provare anche io a fare il salto. Avendo già vissuto a Londra per un anno prima di trasferirmi definitivamente, non ho avuto troppe difficoltà – per lo meno all’inizio – ma ne ho passate realmente di cotte e di crude. Alla fine sono riuscito a sostenere tutto, e a trovare un certo equilibrio, ma Londra è una città veramente cara: faccio ancora fatica a gestire le convivenze, a cui si è in un qualche modo costretti visti i prezzi degli affitti degli appartamenti. Persino le singole stanze sono carissime.
Forse è per via di tutte queste difficoltà che ho imparato il vero significato dell’espressione “essere indipendente” e a contare solo sulle mie forze: questa città ti mette costantemente alla prova, per cui riuscire a fare quello che ami è una soddisfazione enorme. Riuscire poi a parlare in inglese, a esprimermi tutti i giorni in una lingua che non è la mia, era una cosa che non pensavo fosse possibile. Mi piace molto la vita che faccio qui – e non sento affatto nostalgia per l’Italia, con l’eccezione della mia famiglia – divisa tra il training in un salon, gli amici che riesco a vedere nei giorni liberi, e magari un po’ di running in the park! Tenendo le dita incrociate, conto tra qualche anno di riuscire ad aprire un mio negozio qui a Londra.
Questa è una città magical, è un’esperienza che consiglierei all’istante a chiunque. Io spero di restare e spero soprattutto che Londra continui sempre ad aiutarmi a crescere. Bye Bye and Many Thanks.”

IK

Italian Kingdom è una startup comunitaria che con un magazine e una radio racconta le storie degli italiani all’estero. #ItalianKingdom