Francesco Mancini

Francesco Mancini, Sales e Customer Care Service Professional presso Tiffany & Co.

“Sono venuto a Londra perché questa è una città che offre servizi ed opportunità lavorative che altre città in Europa non offrono, per cui la mia motivazione principale era il raggiungimento degli obiettivi lavorativi che mi ero prefissato. 

I miei primi passi sono stati piuttosto comuni: trovare casa e allo stesso tempo trovare un lavoro, ma solo nel primo caso ho avuto qualche difficoltà visto che trovare una casa accogliente a Londra non è impresa da poco. 

Vivendo qui sono diventato più autonomo, responsabile e ‛open minded’ con le persone, e quando col tempo sono riuscito ad esprimermi in inglese a livelli di un nativo e a trovare una posizione per un’azienda così famosa, tra le prime al mondo nel luxury, ho capito che la mia esperienza qui stava dando i suoi frutti. Posso dire di esserne molto soddisfatto. 

(C’è un luogo di Londra a te caro o che ha un’importanza particolare per te? n.d.r.) È molto difficile trovare un solo luogo di Londra che si stagli al di sopra sopra gli altri, almeno per me. 

Qualche volta ho nostalgia dell’Italia ma non ho intenzione di tornare: Londra non è il paese dei balocchi e bisogna lavorare duramente perché nessuno ti regala niente. Un italiano pronto a partire deve tenerlo bene a mente, e anche di non avere paura dei miti sulla pioggia londinese perché ci si fa presto l’abitudine, ma più di ogni altra cosa deve essere determinato e non spaventarsi di fronte all’improvviso cambiamento.

Questa in realtà non è la mia prima volta a Londra. La mia prima esperienza è stata tra il 2013 e il 2014, per un periodo di circa sette mesi; da lì sono stato in Danimarca e infine in Polonia. Sono tornato a Londra a fine settembre 2015, dopo un anno e mezzo di assenza, questa volta con l’intenzione di restarci e di concedermi un futuro migliore”. 

IK

Italian Kingdom è una startup comunitaria che con un magazine e una radio racconta le storie degli italiani all’estero. #ItalianKingdom