Consuelo Cannas

Consuelo Cannas, Executive Assistant presso la J Conrad Consulting.

Sono una sinologa, laureata in lingua e cultura Cinese presso ‘La Sapienza’ di Roma e ho perfezionato la lingua cinese in Cina presso l’Università di Lingue Straniere (Bei Wai).

Ho lavorato in Estremo Oriente, precisamente a Singapore nel Commercio Estero (ICE), successivamente ho lavorato in Cina come insegnante di inglese e per qualche anno ho fatto consulenza import/export ad aziende italiane per espandersi nel mercato Cinese. Essendo appassionata di medicine alternative, ho coronato anche il sogno di studiare l’Ayurveda in India, la medicina cinese presso l’Ospedale di Pechino e i sistemi Thai in Thailandia. Oltre al mio lavoro d’ufficio svolgo quindi anche quest’altra attività dove tratto i miei clienti con oli e erbe e con le sedute di Theta Healing di cui sono istruttore certificato. A tal proposito sto riscontrando sempre più richieste da persone che mi chiamano per fare ‘space clearing’, la pulizia energetica della casa. Avendo poi una innata passione per la scrittura, ho pubblicato due libri e una storia fantasy, e allo stesso tempo ho scritto articoli sul alcuni mensili e quotidiani.

Ho scelto di trasferirmi a Londra perché dentro di me c’era una vocina che mi ripeteva di andare in UK. Poi vari amici che già erano qui da anni mi hanno convinta a scegliere Londra. All’inizio volevo trasferirmi in una piccola cittadina inglese. Devo dire di essere fiera della scelta fatta. Mi sono trasferita inizialmente a casa di una amica dove guarda caso si era appena liberata una stanza. Avevo inviato qualche CV prima di partire e una volta qui ho fatto il colloquio e dopo soli due giorni ho ottenuto il posto di lavoro. Ho preso appuntamento per il NIN e il resto penso sia ovvio…

Tenendo conto di essere andata via da casa quando avevo 20 anni, perché dalla Sardegna mi sono trasferita a Roma e dopo la mia laurea per i primi 5 anni sono stata di base in Estremo Oriente, devo dire di essere arrivata a Londra con una certa esperienza già alle spalle. Ma ovviamente non si smette mai di imparare e Londra ha migliorato e cambiato alcuni aspetti della mia vita. Sicuramente la mia deteminazione è arrivata all’apice, cosa che non mi ha fatto soffrire alcuna particolare difficoltà una volta qui. 

La mia soddisfazione più grande credo sia l’essere riuscita e continuare a realizzare i miei sogni e obiettivi, soprattutto perché nessuno mi ha regalato nulla, ma proprio nulla. Mi sono straguadagnata ogni cellula di quello che sono, che ho e che ho fatto, lottando per un lavoro che conciliasse tutte le mie esperienze e i risultati dei miei sacrifici e delle mie competenze. 

Non c’è un preciso luogo di Londra a me caro, ma in generale riscontro una grande energia a me affine nelle chiese più antiche, incluse quelle templari.

Non ho mai avuto nostalgia dell’Italia. Ero ben felice di lasciare la mia terra per andare a vivere in posti che sognavo sin da bambina. Ad un italiano con la valigia e il biglietto pronto per Londra direi: «Bravo, hai fatto un’ottima scelta».

Per quanto riguarda il mio futuro non saprei. Adesso il mio posto è qui in in UK e poi chissà, vediamo cosa la vita ha in serbo per me. Sono sempre stata una open minded.

IK

Italian Kingdom è una startup comunitaria che con un magazine e una radio racconta le storie degli italiani all’estero. #ItalianKingdom