A Londra, come in un flashback

Oggi scrivo queste righe da Londra.

Sono atterrata a Gatwick circa una settimana fa e dal momento in cui i miei piedi hanno toccato il suolo britannico, un insieme di sensazioni e ricordi si sono susseguiti dentro la mia mente, il mio cuore e il mio stomaco. Un groviglio di pensieri mi ha riportata indietro nel tempo, come in un flashback cinematografico.

Quando lasci Londra dopo averci vissuto per qualche anno, qualunque sia la prossima meta che raggiungerai, sicuramente sarà diversa dalla City. Ritornare poi, anche se solo occasionalmente, è come rileggere le pagine di un libro di cui sei sempre il protagonista, intento però a percorrere una differente strada.

Da quando sono rientrata a casa, Londra non si è fermata. Non si sono fermate nemmeno le vite delle persone che ho lasciato qui, ed è strano ritornare e vedere come – mentre io ero impegnata a ricostruirmi una strada in Italia – loro proseguivano la loro nel quotidiano caos londinese. Mentre io ho spezzato il mio equilibrio, loro lo rafforzavano. In questa città che spesso muove ogni assetto della vita. Qualcuno ha cambiato casa, ha trovato un nuovo lavoro, qualcuno ora spinge un passeggino nella City e qualcun’altra invece vede crescere il suo pancione di giorno in giorno.
Quante cose ci differenziano ora.

Loro, tutti proiettati sul futuro. Io, trainata indietro nel mio passato. In questi giorni più che mai. Così tanto da salire su una metropolitana, arrivare fino all’entrata di quella che è stata la mia casa qui a Londra e camminare sulle stesse strade che percorrevo allora, rivedere i negozi in cui facevo la spesa e assaporare ancora un po’ di quella vita. Tutto sembra uguale e diverso allo stesso tempo.

Ora sono seduta in un cafe di Wandsworth e, come facevo un tempo, passo ore scrivendo al computer con una tazza di cappuccino a tenermi compagnia. Vedo attraverso il vetro la gente camminare di fretta e all’improvviso nella mia mente è chiaro il fatto che Londra non sarà mai come quando la vivevo. Quello è un tempo passato, un’esperienza vissuta.

Non so esattamente dove sarà il mio futuro, ma se un giorno mi riporterà qui sono certa che sarà una Londra che mi dovrò di nuovo costruire da capo.

Questa città corre troppo velocemente per me. E io ora non riesco più a tenere il ritmo.

Marta Gianotti

Blogger at The LondonHer
Mi occupo di educazione e bilinguismo ma coltivo la sempre più grande passione per il blogging e i nuovi media. Alcuni anni a Londra mi hanno spinta ad aprire il mio blog The LondonHer dove tratto di viaggi ed ovviamente della capitale inglese, condividendo ogni nuova esperienza in giro per il mondo.