Prohibition Party stile anni Venti da Bourne & Hollingsworth

Sabato scorso, un magazzino di London Fields è diventato uno speakeasy in stile anni Venti per l’esclusivo Prohibition Party organizzato dagli esperti festaioli di Bourne & Hollingsworth.

Appena dopo le otto di sabato sera abbiamo varcato la porta di un noioso magazzino di mattoni marroni in stile ‘working class hero’ per trovarci davanti a signore agghindate con perle, frange e piume e gentiluomini con l’abito e cappello degni di Al Capone. C’era chi tentava la fortuna a poker o al tavolo della roulette, ma anche una scorta infinita di coppette per cocktail e Champagne e varie proiezioni di film in bianco e nero.

La festa Prohibition di Bourne & Hollingsworth è un trionfo in stile Gatsby, con jazz band che suonano dal vivo, DJ col grammofono, ballerini e giochi d’azzardo che vi faranno sentire completamente immersi negli Anni D’Oro.

Abbiamo trovato i menu dei cocktail nascosti in grosse Bibbie – cosa non si fa per sfuggire agli occhi indiscreti della polizia! – e litri di Bourbon serviti in tazze da tè. Io ho scelto il Re-Bourne (£7.50), a base di Gin, limone e fiori di sambuco, e il tropicale Mary Pickford (£7.50) con Bourbon ananas e melograno, entrambi perfetti per aprire le danze.

La live band ha suonato sulle note di un perfetto speakeasy di New Orleans, accompagnata da uno strano ma divertentissimo cabaret (che potete vedere nel vine qui sotto).

Abbiamo ballato fino al momento di chiamare le nostre carrozze, in un volare di perle, frange e Bourbon. Una festa così divertente dovrebbe essere illegale… And all that jazz!

Le prossime feste di Bourne & Hollingsworth saranno Playback: Back to the 90s e The Blitz Party.

Foto: Kapranos PR, Carolina Are
Vine & Instagram: Carolina Are

Carolina Are

Sono un'ex pubblicitaria con una laurea in giornalismo della City University di Londra. Da poco ho lasciato il mondo dei "Mad Men" per trasferirmi a Sydney e realizzare il mio sogno da teenager: studiare criminologia. Sono una viaggiatrice di professione, avendo percorso gli USA coast to coast tramite Couchsurfing, una storia che racconterò presto con un eBook per Italian Kingdom. Dopo anni di vita da lifestyle blogger londinese tra recensioni, di viaggi, cene e bevute in italiano e in inglese, ora scrivo per l'Huffington Post. Ho scritto 3 libri fallimentari e spero di pubblicarne presto uno. Amo American Psycho, Alice Cooper, le cupcakes e non mi fido di chi non ama Harry Potter.